Risotto certosino

Risotto certosino

Una ricetta che anticamente era preparata dai monaci certosini lombardi con ingredienti di gamberi di fiume e pesce persico, ritrova nuovo sapore con la rivisitazione da mare.
Mettete sul fuoco un litro di acqua con 2 dadi da brodo.
Pulite i funghi ed i porri, affettateli, tagliate il pomodoro a dadini eliminando i semi interni.
Tagliate le carote a dadini e tritate le foglie del sedano quindi fateli soffriggere in una casseruola con 60 grammi di burro per 10 minuti.
Tagliate i filetti di sogliola e poi fateli a pezzetti.
Tritate finemente la cipolla, ponete in un tegame antiaderente il burro rimasto e fate rosolare la cipolla tritata. Unite i pezzetti di sogliola e bagnate con un poco di vino.
Aggiungete il pomodoro, i funghi, i piselli, i porri e fate cuocere a fiamma bassa per 10 minuti.
Versate il riso nel soffritto, aggiungete un altro bicchiere di vino bianco e fate ridurre, poi continuate la cottura con 2 mestoli di brodo ogni volta che il riso si asciuga.
Lessate i gamberi per 5 minuti in acqua bollente leggermente salata, scolateli e teneteli da parte.
Aggiungete la sogliola nel risotto poco prima della fine della cottura, poi quasi a fine cottura aggiungete i gamberi ed il soffritto di carote e foglie di sedano. Girate e fate insaporire il tutto fino alla cottura al dente del riso.
Servite ben caldo in un piatto da portata elegante.

Ingredienti per 6 persone

500 grammi di riso
300 grammi di gamberi medi sgusciati
2 porri
150 grammi di filetti di sogliola
150 grammi di piselli
100 grammi di funghi champignon
2 dadi da brodo vegetale
90 grammi di burro
1 pomodoro
1 cipolla bianca o marrone
1 carota
vino bianco fermo e secco
foglie di 1 sedano
sale

Il riso non deve mai annegare nel brodo e non deve mai seccarsi troppo, il risotto va tenuto d’occhio e girato con una spatola di legno per essere croccante e ricco di gusto.